Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Strumenti

Esistono diverse vie attraverso cui puoi pubblicare in Open Access:

Autoarchivia e condividi in un repository ad accesso aperto (Green Road)

Deposita il tuo lavoro (anche se già pubblicato su riviste/sedi editoriali tradizionali) in un archivio istituzionale (es. U-PAD per l’ateneo maceratese) o  in un archivio disciplinare (es. ArXiv per i fisici o REPEC per gli economisti) liberamente accessibile, in accordo con le politiche di copyright degli editori.

LEGGI DI PIÙ

Molti editori consentono il deposito di un prodotto in un repository, ma è sempre bene verificare:

  1. quale versione dell'articolo è possibile depositare (pre-print, post-print o versione editoriale)
  2. il tipo di licenza di distribuzione accettato (Creative Commons)
  3. se è previsto un periodo di embargo.

Le politiche editoriali sono consultabili in Sherpa/RoMEO, archivio integrato in U-PAD, oppure in EPOca, database dedicato alle policies dei soli editori italiani: in fase di autoarchiviazione del tuo contributo, puoi verificare in tempo reale le condizioni poste dall’editore senza incorrere in violazione di copyright ed eventualmente proporre un modello alternativo di contratto nel rispetto della policy di Ateneo e degli enti finanziatori.

In caso di dubbi, puoi contattare per una consulenza il servizio di helpdesk.

I vantaggi

La green road è immediata e gratuita e ti consente di pubblicare con editori tradizionali e di depositare la versione consentita, favorendo la circolazione dei risultati della ricerca e ottenendo visibilità e riconoscimenti.

Pubblica ad accesso aperto con un editore (Gold road)

Pubblica ad accesso aperto il tuo articolo o la tua monografia. Per conoscere quali sono gli editori "gold" e i titoli delle loro pubblicazioni, consulta per le riviste il DOAJ - Directory of Open Access Journals, per le pubblicazioni monografiche il DOAB - Directory of Open Access Books.

LEGGI DI PIÙ

Alcune riviste Open Access (circa il 23% delle testate) richiedono il pagamento delle spese di pubblicazione, con tariffe chiamate APC (Article Processing Charges) mentre per le monografie si richiedono a volte spese di edizione.

Le istituzioni prevedono agevolazioni e programmi di finanziamento per aiutare gli autori a sostenere i costi delle APC.
Le pubblicazioni Gold OA sono distribuite con licenze aperte che consentono il riuso etico e il deposito nel repository istituzionale.

I vantaggi

La pubblicazione è immediatamente accessibile online nella versione editoriale (publisher version) e senza embargo e l’editore garantisce peer review e servizi editoriali di qualità, senza che il lettore debba sostenere costi di abbonamento.

Attenzione!
  • non confondere la pubblicazione in riviste di editori OA con l’Opzione Open (tipo “Open Choice“) offerta dagli editori commerciali tradizionali come Elsevier, Springer, Wiley…: questa opzione conosciuta anche come Red Road, permette la pubblicazione in riviste ibride in cui la maggior parte dei contenuti è accessibile solo su abbonamento, eccetto alcuni contributi "open", per i quali l'autore, o l'ente/istituzione di afferenza, deve sostenere il pagamento delle APC (Article Processing Charge). Ciò genera il cosiddetto double dipping, cioè la duplicazione dei costi per le istituzioni che sostengono sia le spese di pubblicazione in open access (APC) sia i costi degli abbonamenti per accedere ai contenuti non open.
  • Prima di decidere, valuta il comportamento degli editori consultando il portale Think, Check, Submit.

 

Pubblica ad accesso aperto con un editore senza alcuna spesa (Diamond o Platinum road)

Pubblica con le stesse condizioni della Gold Road (pubblicazione immediata in accesso aperto e garanzia di servizi editoriali di qualità), ma in forma completamente gratuita per tutti senza applicazione di tariffe o APC.

Questa pagina è stata aggiornata il 09/08/2022